Le sfide per una famiglia con un figlio disabile

Una famiglia con un figlio disabile deve affrontare una serie di sfide emotive, finanziarie e logistiche che possono mettere a dura prova l’equilibrio familiare. A queste pressioni si aggiunge il bisogno di preservare il benessere mentale sia del figlio che dei genitori, nella gestione delle attività quotidiane. 

Equilibrare lavoro, cura e vita privata diventa un compito arduo quando si deve anche dedicare tempo, energia e risorse al benessere del figlio disabile.

 

Famiglia con un figlio disabile: quali sfide affrontano?

Le sfide che una famiglia con un figlio disabile può affrontare possono essere molteplici e complesse, e variano notevolmente a seconda del tipo e della gravità della disabilità, oltre che dal contesto familiare e sociale. Vediamone alcune, a titolo esemplificativo.

1. Assistenza e cure. La gestione delle esigenze quotidiane del bambino disabile può richiedere un’enorme quantità di tempo e risorse. Questo può includere cure mediche specializzate, terapie fisiche, occupazionali o del linguaggio, e assistenza personale per le attività quotidiane come vestirsi, mangiare e muoversi.

2. Aspetti finanziari. Le spese aggiuntive per le cure mediche, le terapie e le attrezzature speciali possono mettere a dura prova le risorse finanziarie della famiglia. In molti casi, i genitori devono bilanciare il lavoro con l’assistenza al figlio disabile, il che può portare a una riduzione del reddito familiare.

3. Isolamento sociale. La necessità di dedicare tempo ed energie al bambino disabile può rendere difficile per i genitori partecipare a eventi sociali o mantenere relazioni con amici e parenti. Questo isolamento può portare a sentimenti di solitudine e stress.

4. Accesso alle risorse. Trovare servizi e risorse adeguate per supportare il bambino disabile può essere una sfida in sé. Questo include l’accesso a educazione inclusiva, terapie specializzate, supporto psicologico e finanziamenti per attrezzature e servizi.

5. Equilibrio tra esigenze dei figli. Se ci sono altri figli nella famiglia, i genitori devono trovare un equilibrio tra le esigenze del figlio disabile e quelle degli altri figli. È importante assicurarsi, infatti, che tutti i membri della famiglia ricevano l’attenzione e il supporto di cui hanno bisogno.

6. Gestione dello stress e del burnout. L’assistenza a lungo termine a un bambino disabile può essere estremamente stressante, oltre che fisicamente ed emotivamente pesante per i genitori. È importante, quindi, che i genitori trovino modi per prendersi cura di sé stessi e trovare sostegno emotivo.

7. Pianificazione per il futuro. I genitori devono affrontare anche questioni riguardanti il futuro del loro figlio disabile, come la pianificazione finanziaria a lungo termine, la creazione di piani di assistenza e il pensiero a cosa accadrà quando non saranno più in grado di fornire assistenza diretta.

 

Royal Assistance: assistenza qualificata alle famiglie con figli disabili

Affrontare queste sfide richiede forza, resilienza e un forte sistema di supporto familiare e comunitario.

Avere un sostegno diventa di vitale importanza per le famiglie con un figlio affetto da disabilità. Non significa solo offrire assistenza pratica, ma anche un importante supporto emotivo.

Noi di Royal Assistance ci prefiggiamo lo scopo di essere validi alleati in entrambi i casi. Oltre a fornire servizi come l’assistenza domiciliare e il trasporto disabili, formiamo badanti che possano alleviare il carico delle famiglie, offrendo un supporto professionale e affidabile.

Altre caratteristiche che ci premuriamo di trasmettere ai nostri collaboratori sono l’empatia e la capacità di ascoltare attivamente i nostri assistiti.

I servizi di assistenza disabili offerti da Royal Assistance rappresentano un aiuto concreto per le famiglie con figlio disabile.

Questi professionisti sono in grado di gestire le attività quotidiane, dalla cura personale alla somministrazione dei farmaci, alleggerendo il peso sui genitori.

Trasporto disabili con carrozzina

Inoltre, il servizio di trasporto di Royal Assistance fornisce un modo sicuro e affidabile per accompagnare il figlio disabile a visite mediche o terapie, riducendo lo stress legato agli spostamenti.

I nostri mezzi sono omologati per trasportare fino a due carrozzine, oltre a tre persone. Ciò significa che un genitore o un badante può accompagnare l’assistito sui nostri mezzi.

Qualora ciò non fosse possibile, a causa di altri impegni, i nostri autisti sono disponibili – su richiesta – per accompagnare le persone ad esempio anche all’interno di cliniche, palestre, ecc…

Naturalmente, una famiglia con un figlio disabile, ha diritto a determinati dispositivi medici, oltre che a bonus, indennizzi per l’assistenza fornita. Se vuoi approfondire ulteriormente come ottenere ausili gratis per i disabili, ti invitiamo a leggere anche il nostro articolo sulle novità della legge 104 in vigore dal 1° aprile 2024.

Grazie alla collaborazione con Royal Assistance, una famiglia con figlio disabile può accedere a un supporto completo e professionale. Questo allevia il peso delle responsabilità quotidiane, consentendo loro di concentrarsi sulla cura e sull’amore per i propri cari. 

Pubblicato nella categoria

Condividi questo contenuto sui social

Torna in alto
Torna su